Turchia, la banca centrale conferma i tassi. Sotto pressione la lira

(Teleborsa) – In difficoltà la lira tura dopo che la banca centrale ha lasciato invariati i tassi di interesse, contrariamente alle aspettative di mercato.

L’istituto di Ankara ha confermato il principale tasso di rifinanziamento (a una settimana) al 17,75% mentre le stime di consensus erano per un ritocco all’insù del costo del denaro fino al 18,75% per tenere sotto controllo l’impennata dell’inflazione.

Immediata la reazione della lira turca che sulla notizia è arrivata a perdere oltre 3 punti percentuali nei confronti del dollaro. 

L’ECONOMIA CORRE NEL PRIMO TRIMESTRE. L’INFLAZIONE SI SURRISCALDA

Il Prodotto Interno Lordo, ha mostrato un balzo del 7,4% rispetto allo stesso periodo del 2017, a fronte del +6,9% stimato dagli analisti. Lo ha segnalato l’Ufficio nazionale di Statistica (TurkStat) precisando che nei tre mesi precedenti l’economia aveva registrato invece una crescita del 7,3%.

Il Governo ha prospettato una crescita annua del 5,5% al 2020.

Alla rapida crescita dell’economia si stanno contrapponendo il surriscaldamento dei prezzi, con l’inflazione che a maggio ha toccato il 12,15% e il deprezzamento della lira turca dovuto anche alla fuga di capitali dal Paese.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Turchia, la banca centrale conferma i tassi. Sotto pressione la lira