Turchia, inflazione al galoppo affossa lira e titoli di Stato

(Teleborsa) – Vola l’inflazione in Turchia che, a settembre, tocca il valore più alto degli ultimi 15 anni. I prezzi al consumo di Ankara sono schizzati al 24,5% su base annua, dopo aver raggiunto il livello del 17,9% nel mese di agosto.

L’impennata dell’inflazione ha spinto al ribasso la valuta locale ed i titoli di Stato, complici i timori che il governo turco e la banca centrale non stiano facendo abbastanza per frenare la corsa dei prezzi. La lira turca cede oltre l’1% nei confronti del dollaro mentre i titoli di Stato decennali in valuta locale balzano al 18% circa. Dall’inizio dell’anno, la divisa del Paese ha perso circa il 40% del suo valore rispetto al dollaro.

A metà settembre, la banca centrale ha alzato i tassi di interesse al 24% dal 17,75% precedenteper scoraggiare la crescita dell’inflazione e sostenere il cambio della lira. La prossima riunione sarà in agenda il 25 ottobre.

Berat Albayrak, Ministro del Tesoro e delle Finanze e genero di Erdogan ha rassicurato: “Ci siamo lasciati il peggio alle spalle. Ottobre sarà un mese con risultati molto più tangibili degli interventi dell’esecutivo” ha detto alla tv Ntv.

Turchia, inflazione al galoppo affossa lira e titoli di Stato