Trump riapre ai rifugiati tranne a quelli di 11 Paesi

(Teleborsa) – Il presidente statunitense Donald Trump riapre le porte ai rifugiati ad eccezione di quelli provenienti da 11 Paesi. Lo ha reso noto l’amministrazione americana dopo che alla mezzanotte di ieri 23 ottobre è scaduto lo stop all’accoglienza dei rifugiati per 120 giorni varato dalla Casa Bianca.

Trump con un ordine esecutivo ha sostituito il bando scaduto e ha posto le restrizioni a rifugiati di 11 Paesi, che l’amministrazione non ha voluto indicare limitandosi a definirli “ad alto rischio”. Ora l’esame delle richieste sarà rinviato di 90 giorni per consentire controlli più approfonditi. Sotto la lente i dati biografici sugli aspiranti rifugiati, le frequentazioni, i luoghi di lavoro e tutto ciò che sarà ritenuto utile.

Intanto continua il dibattito sui vari candidati per guidare la Federal Reserve.

Durante un pranzo di lavoro di ieri 24 ottobre, Donald Trump ha condotto un sondaggio con alcuni senatori sul gradimento dei vari candidati presi in considerazione per guidare la banca centrale americana. Lo ha detto il senatore Tim Scott, secondo cui il presidente ha voluto testare la preferenza dei cinque candidati in corsa per la carica di presidente della Fed.

Trump riapre ai rifugiati tranne a quelli di 11 Paesi