Troppi primari nella sanità campana. Dagli sprechi un danno erariale di 16 milioni

(Teleborsa) – Sprechi nella sanità campana che implicano un danno erariale di 16 milioni di euro, relativo ad incarichi a primari in esubero.

Questo è quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Napoli che, dalle prime ore della mattinata, sta notificando numerosi provvedimenti giudiziari emessi dalla Corte dei Conti di Napoli a dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie campane.

Le indagini dei finanzieri hanno riscontrato infatti come la Regione Campania abbia indebitamente speso tale somma per l’assegnazione di incarichi di primario e vice primario ospedaliero, in esubero rispetto a quanto imposto dal governo in tema di spending review.

Negli anni 2014 e 2015, si legge nella nota delle Fiamme Gialle, sono stati retribuiti 523 incarichi di primari e pagate 1915 indennità di dirigenza, in eccedenza rispetto alla dotazione organica prevista. I controlli dei finanzieri si sono concentrati anche sulle aziende ospedaliere universitarie regionali della Federico II, della seconda Università  di Napoli e dell’Irccs Pascale che in pochissimo tempo hanno accumulato un danno per oltre 5 milioni di euro.

Sono state inoltre disposte richieste cautelari finalizzate ad interrompere immediatamente il pagamento degli incarichi in esubero così da impedire ulteriori dispendi di risorse.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Troppi primari nella sanità campana. Dagli sprechi un danno erariale ...