Trevi, Corte Appello Bologna omologa accordo ristrutturazione

(Teleborsa) – Dopo tanto patire, il Gruppo Trevi ha vinto in tribunale ed ha ottenuto l’omologa dell’accordo di ristrutturazione, che consentirà alla società di sopravvivere. La Corte d’Appello di Bologna, cui avevano sporto reclamo le società controllanti, ha omologato l’accordo di ristrutturazione siglato dagli azionisti di riferimento con i creditori nell’agosto scorso.

La Corte bolognese ha così sanato la decisione del Tribunale di Forlì, a fine dicembre, di rigettare l’omologa. In particolare i giudici hanno accolto i reclami presentati da Trevifin, e dalle controllate Trevi e Soilmec, ritenendo fondate le ragioni addotte dalle società ed omologando l’accordo.

Trevi ha commentato la decisione della Corte, affermando che “rappresenta un passo fondamentale verso il rilancio” e precisando che “si è già attivata per perfezionare tutte le operazioni previste dall’accordo di ristrutturazione nel più breve tempo possibile, ivi inclusa la vendita della divisione Oil&Gas al gruppo indiano Meil e l’esecuzione dell’aumento di capitale”.

Il titolo Trevi, quotato alla Borsa di milano, ha fatto un imponente scatto in avanti nella seduta di ieri (+24%) e quindi risente stamattina di qualche presa di profitto (-4,4%)con scambi attorno a 18,982 euro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trevi, Corte Appello Bologna omologa accordo ristrutturazione