Trenitalia torna a investire anche sui treni “tradizionali”. Attanasio: “Novità a breve”

(Teleborsa) – Con la presentazione del nuovo Orario Invernale 2018/2019 è partita nuova campagna pubblicitaria del Gruppo FS Italiane che vede protagonista il Frecciarossa, che fa parte della “Divisione a Lunga Percorrenze” di Trenitalia assieme alle altre Frecce e agli Intercity, fiore all’occhiello della flotta e sinonimo di italianità, affidabilità e avanguardia nel trasporto AV.

Iniziativa di advertising che coinvolge diverse città (Milano, Roma, Torino, Bologna, Firenze, Napoli, Padova, e Venezia) e che prevede “comunicazione” a bordo dei treni, nelle stazioni AV e nelle principali arterie stradali del Paese.

In occasione della presentazione delle novità di Trenitalia, Teleborsa ha intervistato Paolo Attanasio, Direttore divisione Passeggeri lunga percorrenza della compagnia ferroviaria del gruppo FS Italiane.

Non solo Frecce, ma anche Intercity ed Eurocity?

“Assolutamente sì, non solo Frecce”, ha affermato il manager, aggiungendo “ricordiamoci che fino a qualche anno fa le Frecce neanche esistevano, quindi il nostro cuore è anche nei treni tradizionali: 88 intercity tutti i giorni, 20 treni notte tutti i giorni per raggiungere in tutta Italia in maniera molto capillare e molto diffusa i nostri clienti tradizionali“.

Novità per i treni notte?

Attanasio promette “novità a breve”, ricordando che è stato da poco siglato il contratto di servizio con il Ministero dei Trasporti che, essendo il contratto decennale, crea “le condizioni per tornare ad investire su un prodotto che, purtroppo, per un po’ di tempo è stato tenuto da parte per mancanza di investimenti”.

“Ci saranno investimenti a breve – ha ribadito – ci sarà un miglioramento del servizio, forse sui treni giorno più velocemente, perché abbiamo delle soluzioni più veloci, sui treni notte bisognerà tornare ad investire, ristrutturare la flotta, offrire servizi migliori ai nostri clienti”.

Ma c’è il gradimento del pubblico sul treno notte?

“I treni Intercity sono ancora in generale molto apprezzati dai nostri clienti, quelli giorno per la capillarità, per il numero di fermate, che è superiore a quello delle Frecce”, ha spiegato Attanasio.

“Sui treni notte – ha sottolineato – c’è ancora una clientela molto affezionata, nonostante i tempi di viaggio non siano certamente molto competitivi, nonostante anche il prezzo non sia sempre particolarmente vantaggioso”.

Secondo il manager il treno notte “è un servizio costoso, proprio perché impiega personale e mezzi per tante ore, però c’è una clientela ancora molto affezionata a questo servizio”. Una clientela che “noi vogliamo continuare a coccolare” aggiunge, promettendo “lo faremo”.

Trenitalia torna a investire anche sui treni “tradizionali”...