Trenitalia: primo semestre più che positivo, aumenta la puntualità delle corse regionali

(Teleborsa) – Una puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dall’orario previsto) del 91,1% e un indice di regolarità (corse effettuate rispetto alle programmate) del 99%. Indici che, considerando le sole cancellazioni (0,4%) e ritardi (2,7%) imputabili direttamente a Trenitalia salgono al 99,6% come regolarità e 97,3% di puntualità. Migliora anche il giudizio dei clienti: a maggio l’82% si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso.

E’ il bilancio del primo semestre 2017 che vede aumentare la puntualità dei treni regionali gestiti dalla società di trasporto del Gruppo Ferrovie dello Stato.

I primi sei mesi riguardano un milione e 7880 delle corse effettuate nelle Regioni e Province Autonome dove Trenitalia gestisce il servizio, per un totale di 78 milioni e 280.503 km percorsi e 226 milioni e 800.412 passeggeri saliti a bordo. Un bilancio che si chiude con un trend costante rispetto ai livelli già positivi degli indici medi nazionali del 2016. La puntualità reale aumenta dello 0,1%, la regolarità del servizio resta sullo stesso valore.

Risulta superiore alla media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 93% dei convogli ad arrivare puntuale, percentuale in leggera flessione rispetto allo scorso anno (-0,1%) ma per cause non imputabili a Trenitalia, che vede invece ridurre dello 0,3% i ritardi di sua diretta responsabilità.

Il trend della puntualità, con poche eccezioni, risulta positivo un po’ in tutte le regioni, con punte più elevate in Valle d’Aosta, Basilicata, Lazio, Liguria ed Emilia Romagna. Quello della regolarità vede eccellere la Provincia Autonoma di Trento, dove le cancellazioni sono diminuite dello 0,8% e la Campania, dove gli annullamenti del servizio imputabili all’azienda di trasporto sono diminuiti dello 0,3%.

Trenitalia: primo semestre più che positivo, aumenta la puntualità d...