Trattativa Alitalia: Delta verso ingresso con 10%

Con l'impegno di raddoppiare la quota in 4 anni: lo riporta Il Messaggero

Proseguono le complesse trattative per rilanciare la nuova Alitalia,  la compagnia aerea in amministrazione straordinaria dal 2 maggio 2017 per la quale il futuro inizia a delinearsi con sempre maggior chiarezza  anche se ovviamente mancano ancora tanti tasselli da sistemare per completare il puzzle. 

Delta Airlines c’è. Secondo quanto riportato da Il Messaggero,  la compagnia americana, sarebbe pronta a salire a bordo, con cautela, ossia con una quota iniziale minima, il 10%, la stessa detenuta in Air France Klm. Il semaforo verde è arrivato dopo una lunga trattativa ad Atlanta tra Gianfranco Battisti, ad di Ferrovie, e il Ceo di Delta, Ed Bastian con l’impegno di raddoppiare la quota in 4 anni, se saranno centrati gli obiettivi sulla scia di quanto Delta ha già realizzato con Aeromexico, dove è entrata  con il 19% per salire al 49% dopo 4 anni. 

Defilata Easyjet e, al momento, pare difficile possa rientrare in corsa.  Il resto della torta Alitalia, è in mano pubblica. La partecipazione di Delta al 10% potrebbe comportare ovviamente un maggior impegno da parte dello Ferrovie dello Stato, chiamate a rilevare una quota pari al 40%, rispetto all’originario 30%, ma ancora niente di confermato. Il via libera di Delta è però una delle condizioni principali poste dal Cda di Fs per portare a termine l’acquisizione, la presenza di un partner industriale.

Numeri alla mano, oltre il 50% in mano a Fs e Delta, nella nuova Alitalia dovrebbe esserci una partecipazione del 15% in mano al Tesoro, mediante la conversione di un prestito ponte. Poi, prosegue il quotidiano romano, l’azienda ferroviaria avrebbe ottenuto dal Tesoro la disponibilità di Fincantieri a coprire un 10-15%. Ancora da coprire un 20%.

A febbraio passeggeri in aumento del 2,7%. Bene anche il cargo  – Intanto, forte crescita del traffico passeggeri di lungo raggio e dei ricavi da attività cargo di Alitalia nel mese di febbraio. Nel secondo mese dell’anno, la Compagnia italiana ha registrato un incremento del 2,7% dei passeggeri sulle rotte intercontinentali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A segno più anche i ricavi da traffico passeggeri, sempre relativi al lungo raggio, saliti dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2018. Molto positivi anche i dati dei ricavi legati al settore cargo, saliti del 4,9% rispetto al febbraio dell’anno precedente.

I risultati ottenuti sulle rotte intercontinentali hanno contribuito ai ricavi complessivi consentendo ad Alitalia di registrare il quindicesimo mese consecutivo di crescita nel fatturato totale da traffico passeggeri. L’incremento ottenuto a febbraio di quest’anno va poi paragonato con lo stesso mese del 2018 quando la Compagnia registrò un aumento dei ricavi dell’8,2% rispetto al febbraio del 2017.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trattativa Alitalia: Delta verso ingresso con 10%