Trasporto aereo, sindacati: alta adesione allo sciopero di oggi, centinaia i voli cancellati

(Teleborsa) – Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo hanno fatto sapere che è stata alta la partecipazione allo sciopero odierno di 24 ore del trasporto aereo, “con centinaia di voli cancellati e con presidi molto partecipati negli aeroporti di Fiumicino, Linate, Firenze e nei principali scali del Paese”. La protesta è stata indetta “a difesa dei lavoratori di Alitalia e Air Italy come di Blue Panorama e Air Dolomiti e Neos ma anche Norwegian e di Ernest in liquidazione e delle low cost EasyJet, Ryan Air/Malta Air, Wizz Air, Vueling e Volotea, di tutte le compagnie aeree straniere con base e addetti nel nostro paese, delle società di gestioni aeroportuali, di handling e catering e di tutti gli stagionali e precari del settore”.

“La mobilitazione – hanno annunciano le organizzazioni sindacali – non si ferma, in attesa che il Governo intervenga a difesa di uno dei settori più colpiti dalla pandemia. Per evitare di trovarci ad affrontare procedure di licenziamento al termine dei regimi di cassa integrazione che riguarda tutte le realtà del trasporto aereo, dalle compagnie fino alle attività legate all’indotto, serve rifinanziare il Fondo straordinario del trasporto aereo, la riforma degli ammortizzatori sociali e una sede di confronto interministeriale permanente”. Secondo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl TA, infatti, “non è stata data la necessaria attenzione nel Piano di Ripresa e Resilienza ad un settore tanto strategico per il Paese. Servono regole per evitare il dumping sociale e contrattuale e per allineare la competitività, al fine di evitare qualsiasi distorsione delle concorrenza che alla fine produce sfruttamento e perdita di posti di lavoro”.

“La stagione autunnale che ci attende, a partire da settembre e ottobre, sarà molto difficile”, ha dichiarato il segretario nazionale della Filt Cgil, Fabrizio Cuscito. “Manteniamo alta la mobilitazione con le prossime iniziative da programmare, se sarà possibile, già a fine luglio”, ha aggiunto. “Ci sono le grandi vertenze – ha spiegato il dirigente nazionale della Filt Cgil – come quelle di Alitalia ed Air Italy, dove abbiamo scongiurato pochi giorni fa 1.450 licenziamenti ma ci sono anche le crisi negli aeroporti delle attività di handling e di quelle del catering, legate alle compagnie”. “Da parte del Governo – ha dichiarato infine Cuscito – è stato commesso un gravissimo errore, non inserendo nel blocco dei licenziamenti il settore del trasporto aereo. Lavoreremo affinché non ce ne siano ma abbiamo bisogno dell’aiuto del Governo a partire dal rifinanziamento del Fondo straordinario del Trasporto Aereo, dalla riforma degli ammortizzatori sociali e da una convocazione urgente su Alitalia“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trasporto aereo, sindacati: alta adesione allo sciopero di oggi, centi...