Trasporto aereo, al via la prima conferenza nazionale

(Teleborsa) – L’obiettivo è “tracciare le linee per il futuro del comparto”. A dettare la linea, aprendo i lavori della “Conferenza nazionale sul trasporto aereo”– organizzata dal MIT oggi e domani a Roma, nella cornice di Villa Miani – è il sottosegretario ai Trasporti e Infrastrutture, Armando Siri.

“È la prima volta che il comparto del trasporto aereo si riunisce” ha detto Siri snocciolando i numeri del settore che “compreso anche l’indotto, vale il 3,6% del Pil“. “Il settore sta vivendo un momento di straordinaria crescita”, ha affermato il sottosegretario sottolineando la volontà di “cercare di capire, con questa conferenza, se riusciamo a dar un cambio di passo alla programmazione e un impulso ad un settore così tanto importante che non può più essere trascurato”.

“È imprescindibile un miglioramento quantitativo e qualitativo della connettività aeroportuale, garantendo uno sviluppo reale dell’intermodalità: questo vuol dire che va assicurato un serio sistema di collegamento tra aerei, porti e ferrovie”, ha affermato durante il suo intervento alla Conferenza il ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli. “A livello nazionale il settore aeroportuale ha un impatto diretto di 18 miliardi, mentre quello indiretto arriva a 53 miliardi di euro. E le previsioni di crescita per il futuro prevedono di raggiungere 150 miliardi” ha spiegato Toninelli, sottolineando come “ogni investimento realizzato nel trasporto aereo in Italia ha un rilevante effetto moltiplicatore sull’economia del Paese e genera benefici per l’intero settore e per l’indotto, mentre la crescita del trasporto aereo sulle rotte internazionali traina gli investimenti diretti esteri”.

Per il Ministero si tratta del primo dei cinque appuntamenti previsti nell’ambito della “Conferenza nazionale sulle infrastrutture, trasporti e territorio”, nata al fine di favorire un confronto con i player del settore volto ad elaborare documenti e linee guida operative.

Con la premessa che “gli aeroporti sono una delle porte di accesso all’Italia, assieme alle stazioni ferroviarie e ai porti ed è, quindi, più che mai necessario valorizzare l’intero settore, definendo in modo chiaro i ruoli e le competenze che governano la complessa filiera aeroportuale garantendo stabilità agli operatori, in un quadro normativo in continua evoluzione”, la prima giornata prevede quattro panel paralleli dedicati a macro tematiche di settore: “Trasporto aereo tra regolazione e mercato”, “Innovazione tecnologica e sviluppo sostenibile”, “I protagonisti del trasporto aereo” e “Sistema aeroportuale nazionale e reti aeroportuali”.

Come prevedibile non è mancato un riferimento ad Alitalia. “L’obiettivo che riusciremo a raggiungere è di rilanciarla, non di salvarla” ha affermato Toninelli. “Non so se ci sarà uno slittamento, ma se anche ci fosse una piccola finestra non sarà certo un tempo lungo. Se c’è bisogno di qualche giorno in più per fare bene le cose non muore nessuno. Siamo ottimisti” gli ha fatto eco Siri che ha definito l’uscita di EasyJet dalla partita per Alitalia “non rilevante”.

Ai lavori prenderanno parte rappresentanti delle istituzioni, della politica, del mondo accademico, delle imprese, delle parti sociali e dei cittadini con l’obiettivo, dichiarato dal Mit, “di rispondere in maniera pragmatica e integrata alle sfide che il settore del trasporto aereo sta affrontando, grazie a una strategia condivisa”.

Partner della Conferenza nazionale sul Trasporto Aereo sono: Enac, Enav, Assaeroporti, Leonardo e Ferrovie dello Stato italiane.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trasporto aereo, al via la prima conferenza nazionale