Traffico aereo in forte crescita nel 2018. Toninelli: “Vale quasi il 4% del PIL”

(Teleborsa) – L’ENAC conferma la forte crescita del traffico aereo in Italia nel 2018. I dati annuali pubblicati dall’organo di vigilanza del settore aeronautico indicano infatti un incremento del traffico passeggeri del 5,8% ad oltre 184 milioni ed 800 mila unità. Stazionario, invece, il trasporto cargo (merce + posta) con un totale di 1.090.699 tonnellate, uguale al 2017.

In aumento il numero dei movimenti aerei commerciali (decollo o atterraggio di un aeromobile su un aeroporto), che cresce del 3,6% rispetto al 2017 per un totale di 1.413.466 movimenti.

“Il trasporto aereo vale già oggi quasi il 4% del PIL. E sappiamo quanto sia grande l’effetto moltiplicatore degli investimenti in questo comparto”, ha dichiarato il Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, commentando questi dati ed aggiungendo “il nostro Paese ha una fortissima vocazione turistica che va ulteriormente esaltata con una rete efficiente di scali aeroportuali e un impegno dei concessionari a
potenziare sempre più le prestazioni degli asset in gestione”.

Il Ministro ha poi posto l’accento sul “ruolo decisivo” di ENAC per un ripensamento del trasporto aereo nell’ottica di una sempre maggiore intermodalità ed efficienza logistica.

“I dati di traffico del 2018 testimoniano ancora una volta quanto sia importante la crescita del settore e quanto il mercato italiano susciti un forte interesse nel panorama internazionale, caratterizzato da una forte competitività”, evidenzia il Presidente dell’ENAC, Nicola Zaccheo, mettendo in luce l’importanza del settore per l’economia e l’occupazione e l’importanza delle tematiche della sicurezza e qualità del servizio.

“Questi importanti risultati confermano che la crescita del traffico aereo in Italia procede a ritmi anche più sostenuti rispetto ad altri Stati membri dell’Unione europea”, sottolinea il Direttore Generale dell’ENAC, Alessio Quaranta, citando la necessità di una strategia condivisa e di investimenti per affrontare le sfide che si palesano per un settore così competitivo.

Per i passeggeri Fiumicino resta al top

L’aeroporto principale per il trasporto passeggeri si conferma quello di Roma Fiumicino con quasi 43 milioni, in crescita del 5% e con una quota del 23,2% del totale del traffico. Sul podio anche Milano Malpensa con 24,5 milioni di passeggeri ed una crescita dell’11,5% e Milano Bergamo con oltre 12,8 milioni di passeggeri ed un aumento del 4,9%.

Ma Milano è in vetta per il traffico merce

Per il trasporto cargo, Milano Malpensa si conferma l’aeroporto maggiormente utilizzato, con un’incidenza del 52,5% sul totale, seguito dagli scali di Roma Fiumicino e di Bergamo.

Spopola il low cost e Ryanair

Il traffico è sempre più a basso costo. Dai dati di traffico emerge che i vettori low cost detengono una quota del 51,3% del traffico complessivo con quasi 94,8 milioni di passeggeri trasportati ed una crescita del 6,71% sul 2017. Si difendono anche i vettori tradizionali con circa 90 milioni di passeggeri ed un incremento del 4,92% sull’anno precedente.
Nella classifica dei vettori primeggia ancora Ryanair con 37,8 milioni di passeggeri (+4,4%), seguita da Alitalia con 21,9 milioni (+1%) e easyJet con 18,5 milioni (+11,9%).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Traffico aereo in forte crescita nel 2018. Toninelli: “Vale quas...