Total taglia target produttivi ma rassicura sul dividendo

Vanno in fumo i progetti di Total, a causa del persistente calo del prezzo del petrolio. La società francese è stata costretta a tagliare i propri target produttivi per il 2017, gli investimenti e a posticipare la realizzazione di alcuni progetti.

I vertici del secondo colosso petrolifero europeo prevedono di produrre 2,6 milioni di barili equivalenti al giorno contro il 2,8 milioni previsti in precedenza. “Ci prepariamo ad affrontare un lungo periodo di calo dei prezzi petroliferi” ha detto il CFO di Total, Patrick de la Chevardiere, a Londra in occasione dell’investor day.
Il colosso francese ridurrà anche gli investimenti per il 2016 tra i 20 e il 21 miliardi di dollari contro i 24 miliardi di quest’anno e il picco di 28 miliardi del 2013.
Inoltre sono stati annunciati ritardi anche in progetti in Australia, Norvegia e Italia. 

In tutto questo, però, Chevardiere ha rassicurato sul dividendo, annunciando: “vogliamo ridurre drammaticamente le spese di nuovo il prossimo anno in modo da raggiungere l’obiettivo molto importante di coprire il dividendo, considerando il petrolio a 60 dollari al barile al 2017”.

Positivo l’andamento del titolo Total sulla piazza di Parigi: +1,8%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Total taglia target produttivi ma rassicura sul dividendo