Tokyo chiude in deciso rialzo. L’Asia guarda all’euro e ai conti di fine anno

(Teleborsa) – Buona giornata per le borse asiatiche, che sono riuscite a controbilanciare un sentiment parzialmente negativo, alimentato dal balzo dell’euro ai massimi da 3 anni sull’attesa di una nuova stretta monetaria da parte della BCE. 

Wall Street è rimasta chiusa ieri per il Martin Luther King Day, offrendo pochi spunti ai mercati dell’Estremo Oriente, mentre l’attenzione degli operatori si è concentrata sull’inizio della stagione delle trimestrali e dei risultati di fine anno

A Tokyo, l’indice Nikkei chiude con un rialzo dell’1% a 23.951 punti, mentre il Topix ha guadagnato lo 0,59% a 1.457 punti. Seul ha guadagnato lo 0,72%.

In positivo le borse cinesi, con Shanghai che recupera lo 0,58%, mentre Shenzhen viaggia a +0,63%. Taiwan mostra un incremento dello 0,27%.

Tra le altre piazze asiatiche che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, Hong Kong è tonica (+1,6%), mentre Singapore sale dello 0,21%, Jakarta dello 0,46%, e Bangkok dello 0,24%. Più composta Mumbay (+0,16%), mentre viaggia in ribasso Kuala Lumpur (-0,21%).

Sydney chiude in rosso  (-0,35%), a causa dell’andamento incerto del settore minerario, dopo i deboli dati cinesi sul commercio del ferro.

Tokyo chiude in deciso rialzo. L’Asia guarda all’euro e ai...