Tokyo affonda con resta Asia su allarme recessione

(Teleborsa) – Giornata drammatica per Tokyo e le altre borse asiatiche, che si interrogano sulla diffusione del Coronavirus, mentre si fa più concreta l’ipotesi di pandemia e di una recessione sul modello del 2008. Il tracollo di Wall Street è sintomatico di una drastica inversione di rotta dei mercati, dove continua a prevalere il panic selling.

A Tokyo, con l’indice Nikkei è affondato del 3,67% a 21.142 punti, mentre il Topix è scivolato a 994 punti (-3,64%). Stessa impostazione per Seoul che termina con un -3,3%.

In profondo rosso anche le borse cinesi, con Shanghai che segna un -3,71%, mentre è più sacrificata Shenzhen che scivola del 4,93%. Perdite minori per Taiwan (-1,24%).

Giù anche le altre borse che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, con Hong Kong che arretra del 2,46%, seguita da Singapore -3%, Jakarta -3,54%, Bangkok -3% e Kuala Lumpur -1,55%.

Pesantemente negative Mumbay (-2,79%) e Sydney (-3,35%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tokyo affonda con resta Asia su allarme recessione