TLC, AGCOM: oltre metà degli utenti non pagherebbe di più per internet veloce

(Teleborsa) – Il 94% degli italiani possiede uno smartphone o un telefono cellulare e circa il 30% dispone di tre dispositivi (smartphone, tablet e Pc portatili) che consentono l’accesso alla rete in mobilità.

Lo rileva un’indagine dell’Autorità di garanzia per le comunicazioni (AGCOM) sulle esperienze di consumo dei servizi di comunicazione in Italia. Inoltre, il 60% degli individui sceglie abbonamenti bundle che comprendono, cioè, sia servizi vocali sia servizi dati, mentre oltre il 70% dei matures (64-74 anni) resiste nel mantenere la linea telefonica, fissa o mobile, senza acquistare un accesso ad Internet.  

Dai dati che emergono dal rapporto “Il consumo di servizi di comunicazione: esperienze e prospettive” si evidenzia, poi, che le donne, a prescindere dall’età, preferiscono sottoscrivere abbonamenti che prevedono solo servizi vocali. 

Nel complesso, oltre l’80% degli italiani dichiara la propria soddisfazione per i tutti i servizi considerati, con punte del 91% per i servizi postali online.

L’Authority per le TLC ha rilevato inoltre che il 45% degli individui non conosce la velocità della propria connessione Internet (ignoranza che pero’ si riduce al crescere del titolo di studio) e circa il 40% non è a conoscenza dell’esistenza di software atti a testare la velocità di collegamento. Inoltre, oltre il 50% degli utenti non è disponibile a pagare di più per ottenere una connessione più veloce.

TLC, AGCOM: oltre metà degli utenti non pagherebbe di più per intern...