Tira brutta aria per l’editoria: Pearson taglia le attese sugli utili

Giornata nera per l’editoria Made in England.

Pearson ha infatti lanciato un profit warning a causa delle avverse condizioni del mercato ma anche delle importanti dismissioni effettuate di recente.

Il colosso dell’editoria nonché maggior editore di testi per la formazione al mondo stima ora di chiudere l’esercizio con un utile per azione di 70-75 pence, un range, questo, al di sotto dei 75-80 pence indicati a febbraio.

Pearson ha citato il difficile contesto, gli effetti delle fluttuazioni valutarie e la vendite di alcuni asset importanti quali il Financial Times, emigrato in Giappone, e il Gruppo Economist, passato ad Exor.

In particolare, l’editore ha parlato di performance particolarmente negativa nei college e nelle Università statunitensi causati però da fattori ciclici e politici.

Tira brutta aria per l’editoria: Pearson taglia le attese sugli&...