TIM, Vivendi: il piano di Elliott smantella e destabilizza la società

(Teleborsa) – Il piano di Elliott Management su TIM potrebbe smantellare il Gruppo e destabilizzarlo.

Non si è fatta attendere la replica di Vivendi alla lettera agli azionisti di TIM inviata dal fondo gestito da Paul Singer, che oggi ha dichiarato di possedere un interesse superiore al 5% nella compagnia telefonica italiana.

Il Gruppo francese, primo azionista di Telecom con una quota vicina al 25% del capitale sociale, ha dichiarato che esaminerà “con mente aperta” i commenti espressi da Elliott aggiungendo di “non essere certa che il piano per smantellare e destabilizzare il Gruppo possa creare valore” per la società.

Al contrario, spiega in una nota, il Piano Industriale presentato dall’Amministratore Delegato Amos Genish – che, ricorda la società francese, è uno specialista nel settore delle telecomunicazioni ed ha una reputazione internazionale di rilievo – “è forte e promettente per il futuro“. Inoltre, ha aggiunto, “le iniziative intraprese negli ultimi trimestri hanno già iniziato a dare frutto e sono state accolte favorevolmente dagli investitori“.

In questo momento le azioni TIM sono in lieve calo a Piazza Affari dopo un avvio positivo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

TIM, Vivendi: il piano di Elliott smantella e destabilizza la società