TIM, tutto pronto per il CdA. Governo rinuncia a Golden Power su operazione Elliott

(Teleborsa) – C’è fermento per il CdA di TIM che si terrà domani 22 marzo. Molti i temi sul tavolo a cominciare dalla battaglia del Fondo Elliott per il cambiamento del CdA.

E mentre il Fondo gestito da Paul Singer formalizza l’aumento della la partecipazione detenuta in TIM dal 3,75% al 5,74%, l’Associazione degli Azionisti di TIM (ASATI) alla vigilia del board della società “auspica vivamente che dal Consiglio di Amministrazione di TIM vengano fornite a tutti gli azionisti risposte che servano a fugare i dubbi che oggi nutrono sulla conduzione della società”.

Intanto, il Consiglio dei Ministri ha deciso che non eserciterà i poteri speciali (la cosi detta Golden Power) sull’operazione, notificata dal Fondo Elliott per l’acquisizione di una partecipazione in TIM. E’ quanto si legge nel comunicato al termine del Consiglio dei Ministri che si è tenuto oggi 21 marzo, formulando una specifica raccomandazione volta a prevedere la notifica di eventuali modifiche che intervengano rispetto ai contenuti dell’operazione già notificata.

TIM, tutto pronto per il CdA. Governo rinuncia a Golden Power su opera...