TIM in retromarcia su preoccupazioni per crisi politica

(Teleborsa) – Giornata no per Telecom Italia, che sta segnando un calo dell’1,78%, fra i più ampi oggi nel paniere del FTSE MIB. Il titolo risente della crisi politica, che rischia di frenare, fra le altre cose, il progetto di creazione della rete unica con Open Fiber e Cdp.

L’analisi settimanale del titolo, pericolosamente vicino ai minimi storici di 43,3 centesimi, rispetto all’andamento dlel’indice dlele Blue Chip tricolore, mostra un cedimento rispetto all’indice in termini di forza relativa della compagnia telefonica, che fa peggio del mercato di riferimento.

Il contesto tecnico generale evidenzia implicazioni ribassiste in via di rafforzamento per Telecom, con sollecitazioni negative tali da forzare i livelli verso l’area di supporto stimata a 0,4402 Euro. Contrariamente alle attese, invece, sollecitazioni rialziste potrebbero spingere i prezzi fino a quota 0,4557 dove staziona un importante livello di resistenza. Il dominio dei ribassisti alimenta attese negative per la prossima sessione con target potenziale posto a quota 0,4324.

(Foto: © gonewiththewind/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

TIM in retromarcia su preoccupazioni per crisi politica