TIM, Elliott vuole rivoluzionare il CdA. Fuori anche de Puyfontaine

(Teleborsa) – Escalation di TIM a Piazza Affari. La big delle tlc si è portata al top del paniere principale del listino milanese con un guadagno del 2,83% in scia ad alcune novità connesse all’ingresso nel capitale del fondo Elliott.

Il veicolo finanziario guidato da Paul Singer ha chiesto all’ex monopolista di integrare l’agenda dell’Assemblea ordinaria prevista per il 24 aprile al fine di revocare sei amministratori e nominarne altrettanti.

La revoca riguarda il Presidente di TIM Arnaud de Puyfontaine, Hervé Philippe, Frédéric Crépin (altri due manager del socio Vivendi), Giuseppe Recchi, Félicité Herzog e Anna Jones.

Al loro posto Elliott chiede la nomina di Fulvio Conti, Massimo Ferrari, Paola Giannotti De Ponti, Luigi Gubitosi, Dante Roscini e Rocco Sabelli.

TIM ha fatto sapere che il Consiglio di Amministrazione sarà convocato nei prossimi giorni per l’assunzione delle determinazioni di competenza.

Secondo indiscrezioni, inoltre, de Puyfontaine starebbe meditando l’auto-sospensione dalle proprie deleghe operative. Al momento non è chiaro il motivo, ma sembra che Vivendi abbia deciso di appoggiare le eventuali strategie di crescita e creazione di valore per gli azionisti che il fondo Elliott intende proporre.

TIM, Elliott vuole rivoluzionare il CdA. Fuori anche de Puyfontai...