TIM, Elliott supporta la linea Genish

(Teleborsa) – Il Fondo americano Elliott assicura “pieno sostegno” all’amministratore delegato di TIM  Amos Genish precisando di aver offerto “idee costruttive” per potenziare il suo piano e che “non c’è alcun piano alternativo”. E’ quanto si legge in una nota del fondo americano in cui ribadisce la necessità di un Board “qualificato ed indipendente” per la società.

La precisazione di Elliott arriva in risposta ad un articolo apparso sul Sunday Telegraph in cui Amos Genish si è detto pronto a fare un passo indietro nel caso in cui nell’assemblea del 4 maggio, (chiamata a designare  il nuovo Consiglio di Amministrazione del gruppo) il fondo USA avesse la meglio su Vivendi, azionista di maggioranza dell’operatore. “Se la lista di Vivendi non otterrà la maggioranza dei voti, visto che è chiaramente la sola lista che sostiene il nostro piano industriale a lungo termine, credo fermamente che la mia posizione come direttore generale sarebbe insostenibile”, ha dichiarato Genish al Sunday Telegraph.

Non si è fatta attendere la precisazione della società “in cui TIM sottolinea che il titolo del giornale “Telecom Italia boss ready to quit over activist” è equivoco e non riflette lo scambio avvenuto tra Amos Genish e il giornale. TIM inoltre ricorda “che Amos Genish ad oggi non ricopre il ruolo di A.D. ma di semplice amministratore dell’azienda oltre alla carica di direttore generale. Sarà il nuovo CdA, successivamente all’assemblea degli azionisti del prossimo 4 maggio, a nominare il CEO anche sulla base delle decisioni circa visione strategica e piano industriale”.

Elliott da parte sua continua a sostenere Genish spiegando di “aver offerto idee costruttive per migliorare il piano di creazione di valore de l gruppo presentato da Genish il 7 marzo”.

Il Fondo “intende far sì che Genish e la sua squadra di management siano nelle condizioni di massimizzare la creazione di valore derivante dal piano di allineando la società di tlc  alle best practice internazionali di corporate governance e dotando la società di un Board indipendente. Per questo – prosegue Elliott – ha proposto una lista di dieci persone indipendenti, altamente qualificate e credibili che condividono la visione di Genish sul futuro di TIM e che sostengono in pieno il business plan”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

TIM, Elliott supporta la linea Genish