ThyssenKrupp licenzia e vola in borsa

(Teleborsa) – ThyssenKrupp annuncia un taglio fino a 2.500 posti di lavoro amministrativi e vola in borsa. Il colosso siderurgico tedesco prevede di risparmiare 400 milioni di euro in costi di back office entro il 2020, circa la metà dei quali in Germania, promettendo però di evitare licenziamenti immediati.

Il gruppo ha affermato di aver già raggiunto una riduzione dei costi di 800 milioni-1.0 miliardi di euro all’anno nell’ambito di un massiccio programma intrapreso nel 2010/2011. Ma ha aggiunto che la sua struttura annuale dei costi, pari a 2,4 miliardi di euro l’anno è stata “significativamente troppo alta” e che alcune delle sue 18.000 posizioni amministrative devono essere eliminate.

La notizie sta spingendo le azioni del gruppo in rialzo dell’1,8% alla borsa di Francoforte, in una seduta nella quale l’indice DAX tedesco guadagna appena lo 0,24%.

Segnali di rafforzamento per la tendenza di breve con resistenza più immediata vista a 27,05 Euro, con un livello di supporto a controllo della fase attuale stimato a 26,21. L’equilibrata forza rialzista di ThyssenKrupp è supportata dall’incrocio al rialzo della media mobile a 5 giorni sulla media mobile a 34 giorni. Per le implicazioni tecniche assunte dovremmo assistere ad una continuazione della fase rialzista verso quota 27,89.

 

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ThyssenKrupp licenzia e vola in borsa