TerniEnergia prevede conti in crescita nel 2018

(Teleborsa) – In calo utili e ricavi di TerniEnergia nei primi nove mesi dell’anno. La smart energy company attiva nei settori dell’energia da fonti
rinnovabili, dell’efficienza energetica, del waste e dell’energy management, ha realizzato un fatturato di 61,4 milioni di euro, in flessione del 77,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e un profitto di 0,4 milioni, -86,8% rispetto a un anno fa.

La stima per la chiusura dell’esercizio prevede Euro 85 milioni di ricavi, EBITDA di circa Euro 16 milioni, una ulteriore riduzione della PFN a Euro 92 milioni e una crescita del patrimonio netto a Euro 63 milioni.

La Società intende operare in tempi brevi una contenuta raccolta di capitali, nell’ordine di massimo Euro 2,5 milioni, per sostenere la crescita delle nuove attività di business legate al’’integrazione delle società acquisite. L’aumento di capitale rappresenterà anche lo strumento per l’ingresso di nuovi investitori-azionisti di supporto, il rafforzamento del management e la valorizzazione di possibili opportunità nel contesto di mercato.

TerniEnergia prevede al 2017 e al 2018 un consistente aumento dei ricavi e della profittabilità e, contestualmente, un contenimento della PFN e una crescita della generazione di cassa.
L’EBITDA è stimato in Euro 19 milioni nel 2017 ed Euro 31 milioni nel 2018 mentre l’EBIT è atteso in crescita da Euro 12 milioni nel 2017 a Euro 24 milioni nel 2018.

L’indebitamento finanziario netto scenderà a 90 milioni nel 2017 e a 82 nel 2018.

Negativo il titolo a Piazza Affari: -1,19%.

TerniEnergia prevede conti in crescita nel 2018