Tensione tra NATO e Italia dopo apertura a Russia

(Teleborsa) – Rischiano di diventare un caso diplomatico le dichiarazioni di Giuseppe Conte sulla Russia.

Durante il discorso per la fiducia in Senato, il Presidente del Consiglio ha ribadito la “convinta appartenenza” dell’Italia all’Alleanza atlantica precisando però l’intenzione aprire alla Russia e di farsi promotore di una revisione delle sanzioni a carico del Paese.

Parole, quelle del Premier, che nel bailamme della fiducia erano passate tutto sommato in sordina. Non a livello internazionale, però. Ieri sera sono infatti giunte alcune precisazioni in merito. Il Segretario Generale dell’Organizzazione, Jens Stoltenberg, ha affermato che con la Russia bisogna “mantenere il dialogo politico, ma le sanzioni economiche sono importanti”.

A rincarare la dose ci ha pensato l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso la NATO, Kay Bailey: “l’Italia è uno dei nostri più forti alleati nella NATO, ma sulla Russia crediamo che le sanzioni vadano mantenute fino a quando Mosca non cambierà il suo comportamento”, ha dichiarato.

Anche la Cancelliera tedesca Angela Merkel è intervenuta sulla questione, ricordando che la Russia è stata esclusa dal G8 perché “l’annessione della Crimea è stata una lampante violazione del diritto internazionale”.

Tensione tra NATO e Italia dopo apertura a Russia