Tenaris chiude il 2015 in rosso per la prima volta in quindici anni

(Teleborsa) – Il crollo del prezzo del petrolio ha pesato sui conti di Tenaris, che ha chiuso il 2015 con una perdita di 74 milioni di dollari dall’utile di 1.181 dollari del pari periodo del 2014. Si tratta del primo rosso nei quindici anni di vita del produttore di servizi per il settore oil&gas.

In flessione anche le vendite, scese del 31% a 7,1 miliardi di dollari. 

Prevista la distribuzione di un dividendo di 0,45 dollari per azione.

Notizie non troppo buone per il 2016: Tenaris prevede un’ulteriore contrazione della domanda di prodotti per il settore oil&gas. “Nonostante le condizioni avverse ci aspettiamo di mantenere quest’anno il margine Ebitda intorno ai livelli del quarto trimestre”, ovvero ad una percentuale del 15,7%.

Negativo l’andamento del titolo a Piazza Affari: -2,67%.

Tenaris chiude il 2015 in rosso per la prima volta in quindici an...