Telemedicina, lo specialista si raggiunge con un clic. Telecare Europe ci spiega come funziona

(Teleborsa) – L’invecchiamento della popolazione è un fenomeno che riguarda tutte le regioni del globo: la percentuale di ultrasessantenni nel 1950 era pari al 8%, nel 2000 al 10% e si prevede che sarà del 21% nel 2050. Questo inarrestabile cambio demografico produce conseguenze considerevoli per la salute e per i servizi sanitari, dato che, aumentando l’età, aumenta anche la prevalenza di patologie croniche.

Questa situazione rende evidente la necessità di un profondo cambio del modello assistenziale, più efficiente ed efficace, così come di un importante contenimento dei costi sanitari diretti e indiretti.

Per raggiungere questi obiettivi è stato sviluppato il modello di “Chronic Disease Management” (CDM), la telemedicina applicata alle malattie croniche. Si tratta di un insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a distanza.

Tali servizi avvengono tramite telemonitoraggio dei valori clinici che ha l’obiettivo di soddisfare le esigenze di numerosi malati cronici che hanno bisogno di avere un’assistenza costante, sia da parte del medico che dei loro conoscenti.

L’applicazione trova il 98% di gradimento da parte dei pazienti e permette la riduzione del 32% dei costi diretti, sostenuti dai servizi sanitari nazionali e dalle assicurazioni. Negli Stati Uniti, l’investimento pubblico e privato in progetti di telemedicina è aumentato negli ultimi anni del 900%.

Il telemonitoraggio costituisce il pilastro su cui sviluppare qualunque progetto di CDM. Telecare Europe, società spagnola che distribuisce telemedicina in tutta Europa, ha sviluppato un modello di telemonitoraggio innovativo rispetto ai prodotti simili sul mercato internazionale.

La società produce la parte tecnologica del sistema e si avvale di solide partnership per proporre assistenza domiciliare di qualità e la strumentazione più idonea.

I pazienti vengono dotati di specifici strumenti, molto semplici da usare ed altrettanto efficaci, che ricordano i tempi di assunzione della terapia e segnalano alle persone di supporto ogni situazione anomala. La piattaforma informatica di Telecare riceve, analizza e archivia i dati provenienti dai pazienti. I parametri “fuori norma” generano un immediato messaggio di allerta che viene automaticamente inviato allo stesso paziente, al suo medico e/o alla persona di sostegno. I sanitari possono accedere a tutti i dati in tempo reale, attraverso tabelle e grafici accessibili da qualunque computer.

Gianfranco Mochi, presidente di Telecare Europe e responsabile per le malattie croniche per conto della Società Internazionale di Telemedicina (ISfTeH), ha recentemente firmato un accordo con Unico Spa, network italiano di 7.000 farmacie, per la distribuzione del servizio a persone affette da malattie croniche, secondo il modello B2C (dove il cliente finale è il paziente).

Il progetto, già iniziato nel Lazio e in Puglia, vuole essere il primo passo per la distribuzione a livello europeo della telemedicina ai milioni di pazienti diabetici, ipertesi, cardiopatici o affetti da malattie polmonari attraverso il canale delle farmacie.

“Sono già in fase avanzata di studio altri progetti di distribuzione”, ha affermato Mochi, spiegando che si tratta di un modello B2B (dove il cliente finale è rappresentato da cliniche, assicurazioni, ecc), con fondi assistenziali, compagnie assicurative e servizi sanitari in almeno tre paesi europei.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Telemedicina, lo specialista si raggiunge con un clic. Telecare Europe...