Telecom sotto esame. Assemblea per la nomina del CdA

(Teleborsa) – Dopo il CdA di ieri che ha approvato i conti trimestrali di Telecom Italia è la volta oggi dell’assemblea. Due appuntamenti importantissimi, soprattutto per vagliare la forza del suo maggior socio, la media company francese Vivendi, che detiene una quota che sfiora il 24% dell’ex monopolista telefonico italiano.  

Il gruppo telefonico ha annunciato ricavi del primo trimestre in aumento dell’8,5% a 4,82 miliardi di euro, il miglior risultato dal 2012. Il dato è superiore alle stime degli analisti che avevano stimato un giro d’affari di 4,5 miliardi di euro.

“Con questa trimestrale chiudiamo un triennio di lavoro del Consiglio di Amministrazione, durante il quale siamo sicuri di aver avviato una importante trasformazione dell’azienda e i risultati ci stanno dando ragione”, ha commentato il Presidente Esecutivo Giuseppe Recchi.

L’assemblea oggi è chiamata a rinnovare il Board di Telecom. In vista di un appuntamento cruciale, dove i francesi sembrano proprio intenzionati a far valere il loro “controllo di fatto”, su cui è atteso il giudizio di Bruxelles, si sta facendo la conta dei voti e racimolando le deleghe, con la complicità dei fondi e di tutti gli investitori istituzionali. Nello scenario migliore, Vivendi potrebbe collocare dieci candidati (due terzi del CdA) con la maggioranza, a partire da sui vertici Arnaud de Puyfontaine e Herve Philippe, mentre nell’ipotesi peggiore (a quanto pare scongiurata) ne collocherebbe solo cinque.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Telecom sotto esame. Assemblea per la nomina del CdA