Telecom Italia spicca il volo. Grandi manovre nell’azionariato

Colpo di scena nell’azionariato di Telecom Italia, dove la partita di gioca tutta Oltralpe. Vivendi, che è il principale azionista di riferimento della compagnia telefonica italiana e sta progressivamente incrementando la sua quota nel gruppo, vede ora entrare un nuovo socio con una partecipazione non indifferente. 

Trovano conferma infatti le indiscrezioni di stampa circolate sin dal mattino, relative ad un ingresso nel capitale del miliardario francese Xavier Niel con una partecipazione dell’11,2%, che ha un valore attuale di mercato circa 1,7 miliardi. La comunicazione è stata effettuata ieri alla Consob dall’imprenditore francese, fondatore della compagnia Internet Iliad ed azionista di maggioranza con il 55% dell’operatore mobile francese Free Mobile. 

In realtà, l’ingresso di Xavier Niel nel capitale è avvenuto attraverso società indirettamente controllate. Una quota è detenuta mediante una società denominata Rock Investment e fa riferimento ad una posizione lunga (acquisto) su titoli Telecom che riflette una partecipazione potenziale del 6,1% con diritto di voto, riveniente dalla stipula di contratti di opzione “call”. Altre posizioni lunghe (acquisto) in derivati pari al 5,1% del capitale sono state rese note dalla società Njj Holding. Tutti i pacchetti hanno scadenze comprese fra giugno 2016 e novembre 2017.

Naturalmente, la notizia di questo investimento ha messo le ali al titolo Telecom Italia, che oggi guadagna in Borsa il 5,3%, grazie alla maggiore contendibilità del titolo e del controllo societario.  Oltre a Vivendi, anche il fronte brasiliano si è risvegliato di recente, con l’operatore mobile Oi che ha siglato una lettera d’intenti con il fondo russo Letter One per TIM  Brasil.

Telecom Italia spicca il volo. Grandi manovre nell’azionariato