Tassi USA, Brainard (Fed) si unisce alle colombe

Uno dei membri della Federal Reserve, Lael Brainard, invita la banca centrale a non alzare i tassi prematuramente assumendo così un atteggiamento prudente e unendosi al coro delle cosiddette “colombe”.

In un discorso alla National Association for Business Economics, Brainard ha spiegato che i rischi per l’economia degli Stati Uniti ora sono orientati al ribasso mettendo in guardia su un aumento prematuro del costo del denaro.

La posizione di Brainard è dunque quella assunta da altri membri della banca guidata da Janet Yellen, ovvero accertarsi che l’inflazione si muova verso l’obiettivo del 2% fissato dalla Fed, prima di procedere a rialzare i tassi.

Molti, tra cui la stessa Yellen e il vice presidente Stanley Fischer, hanno tuttavia sostenuto che la forza del mercato del lavoro ha dato loro fiducia che l’inflazione inizierà a salire. Ma Brainard si è detta in disaccordo con questo punto di vista, dicendo che “non considera il miglioramento del mercato del lavoro come una statistica sufficiente per giudicare le prospettive per l’inflazione”.

Tassi USA, Brainard (Fed) si unisce alle colombe