Tassi fermi in Russia, ma la banca centrale apre a nuove misure

(Teleborsa) – La Banca centrale della Russia ha lasciato invariati i tassi di interesse citando i rischi inflazionistici derivanti dal continuo deprezzamento del rublo, ma avvertendo allo stesso tempo di essere pronta a inasprire la politica monetaria se l’inflazione dovesse salire.

La Bank of Russia ha mantenuto il costo del denaro all’11%, per il quarto mese consecutivo, di fronte a una situazione economica del paese che presenta elevati rischi di una prolungata recessione a causa della caduta delle quotazioni del petrolio. 

Nel documento che accompagna la decisione sui tassi, la banca centrale ha omesso l’intenzione di tagliare il tasso di riferimento nelle prossime riunioni del Consiglio direttivo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tassi fermi in Russia, ma la banca centrale apre a nuove misure