Tassi fermi in Canada, la Banca centrale vede una moderata ripresa

(Teleborsa) – L’economia del Canada continua a soffrire il forte calo dei prezzi del petrolio e di altre materie prime, così come dimostrato dal dato sul PIL che ha dipinto un quadro economico a tinte fosche. 

La banca centrale che oggi ha deciso di lasciare i tassi di interesse fermi allo 0,50% prevede una moderata crescita per il Paese, nei prossimi mesi. Secondo la Bank of Canada la crescita economica sarà graduale nell’ultimo scorcio del 2015 per, poi, prendere velocità il prossimo anno, grazie all’indebolimento del dollaro canadese e ai precedenti tagli dei tassi. 

Nel terzo trimestre, il Prodotto interno lordo è cresciuto del 2,3% su base annua. Il dato ha superato le attese degli analisti, ma è risultato inferiore alle stime rilasciate dalla Banca centrale che aveva previsto un’espansione del 2,5%. Su base mensile, il PIL è sceso dello 0,5%, segnando il più grande declino mensile da marzo 2009.

Tassi fermi in Canada, la Banca centrale vede una moderata ripres...