Tar di Roma da ragione a Ryanair: si a voli notturni su Ciampino

(Teleborsa) – Due ricorsi, e la low cost irlandese potrà volare anche di notte da e per l’aeroporto romano di Ciampino, o quanto meno far atterrare dopo la mezzanotte i propri aerei in ritardo. Il Tar di Roma ha infatti accolto le contestazioni di Ryanair  contro le prescrizioni Enac, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, per combattere l’inquinamento acustico lamentato dagli abitanti della cittadina alle porte della capitale.

I Boeing 737-800 Ryanair (la compagnia, benché in numero rilevante, dispone solo di questo tipo di aereo) dell’estroverso CEO Michael O’Leary, se in ritardo rispetto all’ora limite delle 24, non saranno più costretti a dirottare su altri aeroporti, Leonardo da Vinci di Fiumicino “in primis”, con comprensibili disagi per i passeggeri e costi aggiuntivi per la compagnia. La prescrizione ENAC impone, o meglio imponeva, salvo parere contrario di un inevitabile contro ricorso al Consiglio di Stato, il divieto di atterraggi e decolli a Ciampino dalle 24 alle 6 del mattino.

Secondo i giudici amministrativi, le limitazioni imposte dall’Enac non hanno considerato appunto i voli in ritardo e gli atterraggi d’emergenza. Un particolare che non tiene conto delle prescrizioni di legge e, a loro avviso, neppure supportato da “idonea istruttoria e motivazione”.

Il Tar ha inoltre rilevato come non siano ancora state individuate le cosiddette “zone di rispetto” attorno all’aeroporto e che non sono stati neppure definiti i parametri di acustica di riferimento per la misurazione delle emissioni. In assenza dei parametri risulta dunque impossibile la misurazione dell’inquinamento acustico.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tar di Roma da ragione a Ryanair: si a voli notturni su Ciampino