TAP, Di Maio: “Non è opera strategica, ma quelli di prima l’hanno blindata”

(Teleborsa) – “Quelli di prima hanno fatto in modo di blindare quest’opera che, per me, non è strategica”. A parlare del gasdotto TAP (Trans-Adriatic Pipeline), il vicepremier Luigi Di Maio, a Marcianise, durante la presentazione di Mercitalia Fast, il nuovo servizio merci ad alta velocità del Gruppo Fs Italiane.

“E’ un’opera che si poteva benissimo evitare”, ha detto Di Maio. “Quando noi abbiamo fatto il contratto di Governo abbiamo detto che il TAP sarebbe rientrato in uno studio costi-benefici. Quando abbiamo fatto questo studio e abbiamo considerato che c’erano da sborsare almeno 20 miliardi di euro, che sono più di reddito di cittadinanza e quota 100 messi insieme, e allora è logico e chiaro che ai cittadini italiani abbiamo dovuto dire la verità”.

Ma “non abbiamo cambiato idea rispetto alla campagna elettorale”. Il risarcimento “è anche più di 20 miliardi”, ha spiegato il leader pentastellato dopo che nel fine settimana, il Premier Giuseppe Conte, aveva spiegato che i lavori del gasdotto che giungerà in Puglia dovranno proseguire obbligatoriamente, altrimenti bisognerà pagare una penale da ben 20 miliardi di euro.

TAP, Di Maio: “Non è opera strategica, ma quelli di prima lR...