TAP, Consiglio di Stato dice sì al gasdotto

(Teleborsa) – Alta tensione nel cantiere Tap-Trans Adriatic Pipeline (TAP) di Melendugno (Lecce) dove è in costruzione il gasdotto per importare il metano dall’Azerbaijan.

A scatenare la protesta la decisione del Consiglio di Stato che ha respinto gli appelli proposti dal Comune e dalla Regione Puglia nei confronti della sentenza del TAR sul Tap-Trans Adriatic Pipeline.

Nulla da fare, dunque, per Regione e Comune che hanno portato all’attenzione dei magistrati amministrativi le problematiche naturalistiche che il TAP avrebbe potuto avere per la zona. Problematiche supportate anche dalla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) rilasciata dal Ministero dell’Ambiente che ha anche proposto undici possibili alternative. Tutto inutile, il Consiglio di Stato ha deciso che il gasdotto si farà. 

Stamane sono arrivate le ruspe per traslocare i 200 ulivi che occupano la zona, ma centinaia di attivisti si sono opposti al lavoro della ditta incaricata. Sono dovute intervenire le forze dell’ordine per calmare i manifestanti che presidiano la zona dall’alba.

TAP, Consiglio di Stato dice sì al gasdotto