In Italia ogni quattro persone, si producono due tonnellate di rifiuti

L’Italia è al terzo posto in Europa per produzione dei rifiuti: ecco i dati registrati nel 2016

La produzione di rifiuti è un problema che affligge l’Italia da ormai tanto tempo.

L’acquisto di alimenti, prodotti o quant’altro sia necessario per il benessere della propria persona, comporta lo scarto di materiali quali plastica, vetro, carta. Per evitare accumuli è necessario adottare specifiche direttive volte allo smaltimento della spazzatura. Con il Regolamento 2014/955/UE, l’Unione Europea ha proposto un quadro giuridico per il controllo dell’intero ciclo dei rifiuti che va dalla produzione allo smaltimento, fino ad arrivare alla fase di riciclo, indispensabile per ridurre l’impatto ambientale.

In Italia, la produzione nazionale di rifiuti è cresciuta notevolmente nel 2016: a confermarlo ci sono i dati raccolti dall’Ispra, ovvero l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Secondo il rapporto stilato, è stato riscontrato un aumento del 2% in più rispetto al 2015, per un totale di oltre 30 milioni di tonnellate di spazzatura. E i numeri più alti sono stati registrati nelle regioni del Nord Italia: qui la produzione di rifiuti ammonta a circa 14,2 milioni di tonnellate, dove gli aumenti consistenti si sono verificati soprattutto in Veneto e in Trentino Alto Adige.

Qual è invece la situazione dell’Italia rapportata agli altri Paesi europei? Il quadro dipinto arriva direttamente dall’Eurostat che, con i dati rilevati e sempre riferiti al 2016, ha registrato che il Bel Paese è tra le prime nazioni in Europa per produzione dei rifiuti. Al primo posto c’è la Danimarca: qui si producono circa 609 kg di spazzatura a persona, seguita dai Paesi Bassi con 503 kg procapite.

L’Italia invece è al terzo posto in Europa per produzione di rifiuti: una famiglia composta da 4 persone infatti, ha generato in media nel 2016, circa 2 tonnellate di spazzatura. Una cifra importante e molto alta, se si considera che anche se la nostra nazione ha diminuito gli scarti del 10% dal 2008 resta comunque tra i Paesi con un’alta produzione dei rifiuti.

Le nazioni più virtuose invece, sembrano essere quelle dell’est dove ogni abitante non arriva a produrre neppure 300 kg di spazzatura. La Romania è il Paese in cui se ne produce di meno, ovvero poco più di 207 kg a persona, seguita dalla Polonia con 251,1 kg di rifiuti per abitante e dall’Ungheria con 293,7 kg di spazzatura per ogni individuo. Si tratta di numeri nettamente inferiori e che registrano un 40% in meno di produzione rispetto all’Italia.

In Italia ogni quattro persone, si producono due tonnellate di ri...