Takata non andrà in bancarotta. Titolo in forte recupero alla borsa di Tokyo

(Teleborsa) – Il produttore giapponese di airbag Takata smentisce le voci di bancarotta e recupera alla Borsa di Tokyo, evidenziando un solido rialzo del 18% dopo la debacle precedente. 

Le azioni di Takata erano state zavorrate dai rumors relativi all’ipotesi di bancarotta della società, coinvolta nel cosiddetto “airbag gate” e costretta a patteggiare con gli Stati Uniti una multa salatissima da 1 milairdo per gli airbag difettosi montati su vari modelli e marchi di auto. I difetti hanno provocato una esplosione anomala e provocato la morte di 16 persone, coinvolgendo tanto Volkswagen quanto la Fiat Chrysler e fra le case asiatiche le auto di Honda. 

 Ovviamente, i continui richiami in USA e Canada hanno creato delle tensioni finanziarie fortissime alla società, costretta ad assorbire gli elevanti costi dei richiami e della multa, alimentando appunto le voci di fallimento, soprattutto da parte dei maggiori concorrenti, la svedese Autoliv ed il consorzio Kei Safety Systems.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Takata non andrà in bancarotta. Titolo in forte recupero alla borsa d...