Tailandia, le autorità bloccano la Pokemon Go mania

(Teleborsa) – A tutto c’è un limite, anche alla mania Pokemon Go, il nuovo gioco del colosso giapponese Nintendo che ha fatto letteralmente “impazzire” il mondo, dai bambini agli adulti. 

La pensano così le autorità tailandesi, che hanno voluto porre un freno ai “cacciatori” di Pokemon, istituendo delle zone “off limits”: i giardini del Palazzo reale, così come i templi buddhisti e gli ospedali saranno interdetti agli amanti di Pokemon.    

La decisione è stata presa in seguito ad una riunione dell’authority per le comunicazioni, National Broadcasting and Telecommunication Commission (NBTC), con i 5 maggiori operatori di tlc del Paese: Advanced Info Service Pcl, Total Access Communication Pcl, True Corp, TOT Pcl e CAT Telecom.

In base agli accordi, la licenza concessa a Niantic Inc, la controllata di Nintendo che sviluppa il gioco, sarà soggetta a delle restrizioni, eliminando di default dalle “mappe” i luoghi interdetti al gioco.

Tailandia, le autorità bloccano la Pokemon Go mania