Svezia, la Banca Centrale diventa più severa sui collaterali

Inattesa stretta da parte della Banca Centrale di Svezia sui collaterali usati dalle banche per rifinanziarsi presso l’Istituto Centrale.

La Riksbank ha annunciato una serie di cambiamenti finalizzati a ridurre i rischi ma che, assicura, non pregiudicheranno in nessun modo la politica monetaria.

I cambiamenti che, in generale, riportano le regole sui collaterali ai tempi precedenti alla crisi finanziaria del 2007, sono in tutto quattro.

Innanzitutto, i titoli portati a garanzia dovranno avere un rating di almeno “AA-” e non più “A-“, come avvenuto finora.
Inoltre non saranno più accettati covered bond emessi dalla banca che chiede il prestito.
Sempre per quanto riguarda le obbligazioni garantite (appunto, i covered bond), non potranno superare il 60% dei titoli portati in garanzia. Infine, non più del 50% dei covered bond portati in garanzia potrà essere dello stesso emittente.

Secondo la Banca Centrale svedese la stretta sulle obbligazioni garantite costringerà le banche ad utilizzare anche altri tipi di collaterale.

I nuovi requisiti saranno introdotti gradualmente nel corso del 2016.

Svezia, la Banca Centrale diventa più severa sui collaterali