Superbonus, Ruffini: “Complessità serve a evitare abusi”

(Teleborsa) – Il Superbonus del 110% spetta “per gli interventi realizzati sulle parti comuni di un edificio in condominio” e invece sono “esclusi quelli realizzati su edifici composti da più unità immobiliari di un unico proprietario o di comproprietari”. Lo ha precisato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini nel corso di un’audizione alla Commissione bicamerale sull’Anagrafe Tributaria, dove ha anche annunciato che nelle prossime settimane arriverà una nuova circolare per fornire chiarimenti sul Superbonus del 110%.

Per quanto riguarda la possibilità di usufruire del Superbonus del 100% per chi abita in un edificio con un solo proprietario, Ruffini ha precisato che “ai fini della costituzione del condominio risulta irrilevante la mera detenzione degli immobili costituenti un edificio”. Quindi, ha esemplificato, “se l’unico proprietario di tutte le unità immobiliari di un edificio concede in locazione o in comodato tutte o alcune delle predette unità immobiliari a più soggetti, non si costituisce un condominio e di conseguenza non è possibile fruire del Superbonus“.

Ruffini ha annunciato che spera di firmare la nuova circolare nelle prossime settimane, spiegando che “per una circolare l’elaborazione può essere velocissima o meno a seconda di quando si decide che l’acqua si sia fermata, perché le continue domande che arrivano da privati e istituzioni impediscono di mettere il punto o la parola fine alla circolare”.

Secondo il direttore dell’Agenzia delle Entrate, la complessità riguarda la normativa fiscale nel suo complesso, e non solo il decreto rilancio o il Superbonus. “Non si può semplificare quello che nasce complesso, si può cercare di renderlo più chiaro” e in particolare per il Superbonus “la complessità è dettata dall’esigenza di evitare abusi sull’intervento normativo“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Superbonus, Ruffini: “Complessità serve a evitare abusi”