Sui mercati è corsa all’oro, prezzi verso il livello dei 1.300 dollari

(Teleborsa) – Ancora di corsa l’oro, che segna i massimi da novembre. Le tensioni geopolitiche e l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali in Francia, spingono gli investitori a puntare sui beni rifugio, privilegiando il metallo giallo sul mercato delle materie prime e lo yen sul forex.

A fare da assist alle quotazioni del metallo aurifero, in costante rialzo ormai da sei sedute consecutive, contribuiscono anche le dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump che ritiene che il dollaro sia troppo forte e preferisce vedere bassi tassi d’interesse. 

Una combinazione di fattori che ha spinto i prezzi dell’oro fino a 1.290 dollari l’oncia toccando i massimi dallo scorso novembre. La debolezza del biglietto verde (un dollaro più debole rende l’oro più conveniente da comprare) continuerà a spingere in alto le quotazioni del metallo prezioso verso il livello di 1.300 dollari.

Sui mercati è corsa all’oro, prezzi verso il livello dei 1.300&...