Stati Uniti riaprono le frontiere: consentito l’ingresso ai vaccinati

(Teleborsa) – Oggi 8 novembre sarà una data storica, perché gli Stati Uniti riapriranno le frontiere, consentendo l’ingresso a tutti coloro che sono stati vaccinati. Si allenteranno così le restrizioni imposte da oltre un anno e mezzo verso 33 Paesi, compresa l’Unione Europea, il Regno Unito e la Cina.

L’ingresso sarà ora consentito a tutti coloro che provengono da Europa, Gran Bretagna, India, Brasile e Cina, purché in possesso di un certificato di vaccinazione approvato dall’organizzazione Mondiale della sanità (OMS) – Astrazeneca, Pfizer, moderna ma non il vaccino cinese CanSino e il russo Sputnik – e dopo l’esito negativo di un test Covid effettuato al massimo 72 ore prima dell’ingresso in USA. Anche i cittadini USA primi di vaccinazione dovranno effettuare il test prima del rientro in USA, mentre le compagnie aeree saranno responsabili di raccogliere i dati necessari ai fini del tracciamento.

Restrizioni all’ingresso, allo scoppio della pandemia nel 2020, erano state inizialmente decise dall’allora Amministrazione Trump verso la Cina, ma l’imperversare della pandemia di coronavirus in tutto il mondo aveva fatto ben presto allungare la lista dei paesi cui era interdetto l’ingresso in USA senza prima aver fatto un tampone e la quarantena.

Biden aveva inizialmente mantenuto queste restrizioni e questo è il primo allentamento da quando è scoppiata la crisi sanitaria globale, che scatta quando gli USA hanno già raggiunto un tasso di immunizzazione pari al 70% della popolazione adulta.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stati Uniti riaprono le frontiere: consentito l’ingresso ai vacc...