Stati Uniti, leading indicator crolla a minimi 60 anni

(Teleborsa) – Crolla il superindice USA relativo alle condizioni economiche americane. Secondo quanto comunicato dal Conference Board degli Stati Uniti, il Leading Indicator (LEI) si attesta a quota 104,2 punti a marzo in calo del 6,7% rispetto al mese precedente. Un dato che risulta poco sopra le attese (-7%), ma segna un netto rallentamento rispetto al -0,2% di febbraio (rivisto da +0,1% preliminare).

Ataman Ozyildirim, direttore senior del dipartimento di ricerca economica del Conference Board, ha spiegato che si tratta del “maggior declino nei 60 anni di storia” dell’indicatore e che il dato sconta l’impatto della pandemia di coronavirus, che ha portato “al blocco improvviso delle attività economiche” e genererà una “contrazione dell’economia statunitense molto profonda”.

(Foto: Enrico Massidda)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stati Uniti, leading indicator crolla a minimi 60 anni