Stati Uniti, l’attività dei servizi migliora ma la crescita resta lenta

(Teleborsa) – L’attività dei servizi negli Stati Uniti migliora a giugno, ma assieme alle incertezze del settore manifatturiero, lascia presagire una crescita ancora modesta nel secondo trimestre dell’anno. 

L’indice PMI dei servizi elaborato da Markit è indicato al rialzo a 51,4 punti dai 51,3 del mese di maggio, risultando al di sotto dei 51,5 attesi. Il miglioramento è stato rallentato dalla componente occupazionale, che si è portata ai minimi degli ultimi 17 mesi.

Di conseguenza, l’indice composito, che tiene conto anche della variazione del PMI manifatturiero si attesta a 51,2 punti, risultando invariato rispetto a maggio.

“Ripresa, quale ripresa?” si comanda Chris Williamson, capo economista di Markit, ricordando che il dato finale del PMI composito conferma che la crescita dell’economia USA è rimasta modesta anche nel secondo trimestre e che non supererà l’1%.

Più marcato il miglioramento dell’indice ISM non manifatturiero, che rileva un aumento a 56,5 punti dai 52,9 del mese precedente, mentre le previsioni del mercato erano di 53,3 punti.

Stati Uniti, l’attività dei servizi migliora ma la cresci...