Stati Uniti, il PIL tira il freno a mano

(Teleborsa) – Rallenta bruscamente la crescita dell’economia americana nel 4° trimestre dell’anno, a causa della crisi internazionale e del tracollo delle commodities.

Nel 4° trimestre, il PIL americano è cresciuto solo dello 0,7%, confrontandosi con il +2% del trimestre precedente. Il dato risulta leggermente peggiore delle attese che indicavano un aumento dello 0,8%.

Il Bureau of Economic Analysis, che pubblica questa statistica, ricorda che il dato odierno si basa su informazioni ancora incomplete.

La crescita è stata sostenuta sostenuta principalmente dall’aumento dei consumi privati e dall’aumento della spesa pubblica, che hanno compensato il calo dell’export e degli investimenti.

Nel 4° trimestre, il PCE price index, che misura l’inflazione, è salito dello 0,8% dal +1,3% precedente, risultando al di sotto dell’1,2% atteso.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stati Uniti, il PIL tira il freno a mano