State Street, sentiment dei trader a picco a causa della volatilità

(Teleborsa) – E’ peggiorata la fiducia degli operatori borsistici nel mese di febbraio, secondo l’indagine condotta da State Street sul sentiment degli investitori e sulla loro attitudine al rischio.

L’indicatore globale si è attestato a 106,5 punti, in calo di 2,2 punti rispetto ai 108,7 rivisti del mese precedente (108,3 punti la prima lettura). Un indebolimento atteso e spiegato dalla forte volatilità dei mercati e dalla correzione messa a segno da inizio anno.

Driver del peggioramento è il sentiment degli operatori borsistici europei, che hanno visto calare l’indice di ben 13,2 punti a 103,4 punti, a causa del tracollo dei mercati.

Più ottimisti gli investitori asiatici, il cui indice ha registrato un aumento di 9,2 punti a quota 111,9, e gli investitori americani, il cui sentiment è salito apperna di 0,4 punti a 108,9.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

State Street, sentiment dei trader a picco a causa della volatilità