Stanziato un fondo per portare prodotti biologici nelle mense scolastiche

Cibo bio nelle mense scolastiche italiane: stanziato un fondo da 10 milioni di euro

Quanto è importante l’alimentazione dei più piccoli? Sicuramente tanto. Un buon piatto preparato a casa dalla propria mamma non ha eguali: ingredienti freschi e cotti a puntino fanno infatti la differenza in termini di qualità e sapore.

Le mense scolastiche, spesso sotto i riflettori per il cibo non sempre fresco, sono state più volte oggetto di lamentele da parte di molti genitori, ma a breve molte di queste cambieranno volto grazie ai menu proposti a base di cibo biologico.

Prodotti freschi e genuini, coltivati lontano da fonti di inquinamento: il cibo bio ha preso piede nel settore alimentare. Salgono i consumi e sono tanti i supermercati che adibiscono anche più di uno scaffale a questo tipo di cibo.

E ora arriva anche nelle mense delle scuole italiane. L’iniziativa che ha già destato l’interesse di tante famiglie, prevede uno stanziamento di 10 milioni di euro da parte del Ministero delle Politiche agricole. La somma verrà utilizzata per assegnare poi a diversi istituti scolastici menù con portate a base di prodotti biologici.

Il fondo è stato possibile grazie al contributo dei Comuni italiani che avranno così la possibilità di ridurre le spese a carico di coloro che usufruiscono del servizio e di realizzare anche iniziative di informazione nelle stesse scuole. I costi dei menù proposti i non incideranno infatti ulteriormente sulle mense.

Oltre a essere stata accolta da molte famiglie, l’iniziativa è stata vista positivamente anche dalla Federazione nazionale (FederBio) che salvaguarda l’intera filiera dell’agricoltura di tipo biologico.

Come affermato dal presidente FederBio Paolo Carnemolla: “Il sostegno del Governo ai Comuni virtuosi che utilizzano prodotti biologici nelle mense scolastiche è un segnale importante. […]È anche l’occasione per ribadire l’importanza di una norma nazionale sulla ristorazione biologica che aumenti le garanzie per le mense pubbliche e consenta di fare chiarezza nell’ambito della ristorazione commerciale”.

Vediamo ora quali sono i criteri che caratterizzano una mensa come biologica. Quest’ultima deve attenersi a delle percentuali minime di utilizzo (in peso) per ogni tipologia di prodotto, facendo riferimento alle materie prime di derivazione bio, ovvero:

  • minimo il 30% per carne, pesce da acquacoltura e prodotti lattiero-caseari;
  • minimo il 70% per pasta, farine, cereali, olio extravergine, pane e in generale prodotti da forno, legumi, ortaggi e frutta;
  • il 100% per yogurt, succhi di frutta e uova.
Stanziato un fondo per portare prodotti biologici nelle mense sco...