Stallo su Coronabond, Francia propone Fondo europeo

(Teleborsa) – Un fondo europeo, al posto dell’ipotesi di obbligazioni comuni, con la specifica missione di superare la crisi da coronavirus. E con una scadenza: durerebbe tra 5 e 10 anni. Questa la proposta lanciata dalla Francia per cercare di uscire dallo stallo che si è creato sulle resistenze agli eurobond, da una parte, e all’uso del MES, il fondo salva Stati, dall’altra, sul come affrontare a livello di area euro le necessità finanziarie straordinarie dovute alla pandemia.

La proposta viene spiegata del Ministro dell’Economia Bruno Le Maire sul Financial Times. “E’ assolutamente cruciale mantenere la posta aperta a finanziamenti di lungo termine che ci consentano d fronteggiare una situazione economica da dopoguerra”, dice.

“Non dobbiamo essere ossessionati dalla parola coronabond o eurobond. Dobbiamo invece fissarci sulla necessita’ di avere strumenti forti per assicurarci una ripresa dopo questa crisi”, prosegue.
Per questo, visto che la proposta di creare obbligazioni comuni, appoggiata da 9 Paesi, ma respinta da altri, non riesce ad avanzare, allora bisogna puntare su un altro tipo di strumento, ma con obiettivi analoghi: un fondo.

“Un fondo con una durata di cinque o dieci anni, un tempo limitato – dice Le Maire – con la possibilità di creare un debito comune ma solo nell’ambito di quel fondo, potrebbe risultare più accettabile” ai Paesi che si oppongono agli eurobond. “Potrebbe essere la soluzione”, secondo il Ministro francese.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stallo su Coronabond, Francia propone Fondo europeo