Stabile la Borsa di New York

(Teleborsa) – Continuano le preoccupazioni degli investitori per quel che riguarda il bilanciamento della politica monetaria e la crescita. Queste, appesantite dalle nuove minacce alla Cina da parte dei tweet di Trump, mantengono le contrattazioni piatte per questo avvio di Borsa newyorkese, controbilanciando i solidi risultati ottenuti dalla Bank of America , secondo maggior finanziatore USA.

A Wall Street, il Dow Jones è sostanzialmente stabile e si posiziona su 27.315,25 punti; sulla stessa linea, giornata senza infamia e senza lode per lo S&P-500, che rimane a 3.003,44 punti. Sulla parità il Nasdaq 100 (+0,02%), come l’S&P 100 (0,1%).

Si distingue nel paniere S&P 500 il settore utilities. In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto beni industriali, che riporta una flessione di -0,81%.

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Johnson & Johnson (+0,71%), Merck & Co (+0,64%), Pfizer (+0,55%) e Intel (+0,51%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Caterpillar, che continua la seduta con -1,57%.

Sottotono 3M che mostra una limatura dello 0,65%.

Deludente JP Morgan, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Cintas (+7,44%), Asml Holding Nv Eur0.09 Ny Registry (+5,57%), Qualcomm (+4,66%) e Ctrip.Com International Spon Each Rep (+2,63%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su CSX, che continua la seduta con -8,18%.

Seduta negativa per Hunt(J.B.)Transport Serv, che mostra una perdita dell’1,86%.

Sotto pressione Texas Instruments, che accusa un calo dell’1,21%.

Scivola Walgreens Boots Alliance, con un netto svantaggio dell’1,13%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stabile la Borsa di New York