Spotify debutta al Nyse a 165,9 dollari

(Teleborsa) – Debutto sfavillante di Spotify al Nyse. Con una quotazione di 165,90 dollari ad azione, la valutazione del gruppo svedese leader nella musica in streaming si attesta a 29,5 miliardi di dollari, molto più di quanto previsto dal mercato.

Dopo una lunga serie di ritocchi al rialzo, l’ultima indicazione sulla forchetta di prezzo di debutto era stata data a 167-170 dollari per azione. 

La quotazione sul New York Stock Exchange è avvenuta attraverso una quotazione diretta, mettendo in vendita direttamente in Borsa e senza intermediari le proprie azioni con il simbolo SPOT, non una in più né una in meno di quelle esistenti (nessun aumento di capitale è stato pianificato per l’occasione).

Una scelta coraggiosa e rischiosa, dato che in questi casi la società che emette direttamente azioni in Borsa gioca tutto sulla propria notorietà e scommette sul successo del collocamento, dato che, non essendoci intermediari, non esistono neanche consorzi di garanzia e lockupò. Ciò aumenterà anche la volatilità del titolo con possibili e repentine inversioni di rotta, alimentate dai realizzi dei primi acquirenti.

Dopo i primi scambi le azioni della società si portano a 160,13 dollari, +21,21% rispetto ai 132 dollari del prezzo di riferimento indicato dal Nyse.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Spotify debutta al Nyse a 165,9 dollari