Spesa, torna di moda il quartiere: più di un italiano su due la fa sotto casa

E' la fotografia scattata da Confcommercio nel corso del convegno "La riscoperta del negozio alimentare nelle città come nuova tendenza nella distribuzione moderna"

(Teleborsa) Qualcuno sosteneva che nel futuro tornerà di moda il passato. Ad esempio, avreste mai detto che oltre la metà degli italiani fa la spesa sotto casa? Sembra proprio, insomma, che sia tornata di moda il supermercato di quartiere con i suoi tradizionali punti di forza: accessibilità e cortesia del personale.
Ovviamente il caro, vecchio negozio di vicinato si è anche innovato portando la spesa direttamente a casa e aprendosi all’online. E’ la fotografia scattata da Confcommercio nel corso del convegno “La riscoperta del negozio alimentare nelle città come nuova tendenza nella distribuzione moderna”, che si è svolto a Roma.

1 ITALIANO SU DUE FA LA SPESA SOTTO CASA – Numeri alla mano, dunque, oltre il 55% dei consumatori italiani compra dunque nei supermercati di quartiere e l’indice di soddisfazione è massimo per i negozi indipendenti specializzati.

FUTURO, RITORNO AL PASSATO –  Si torna, perciò, alle vecchie, sane abitudini del passato e al negozio a due passi da casa, facilmente raggiungibile, comodo dove è possibile anche instaurare un rapporto di fiducia col personale, pronto a fidelizzare il cliente. “Si torna a fare la spesa sotto casa – ha spiegato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli – anche perché il negozio di vicinato si è innovato facendo diventare l’online un alleato”.

E-COMMERCE ALIMENTARE ANCORA FIACCO, MA CRESCERA’ – L’e-commerce alimentare è ai livelli minimi in Italia, 0,5% contro il 6% della Francia, ma è destinato a crescere. Nel 2015 la spesa del supermercati fatta online ha segnato un boom del 57% e il cibo pronto in delivery (direttamente dal ristorante) ha registrato un +66% nel 2016

Spesa, torna di moda il quartiere: più di un italiano su due la fa so...